Laboratorio di Fisica e Statistica Medica

Dipartimento di Fisica

 

 

 

LA SINDROME DEL TURNISTA

 

 

  In Europa un lavoratore su cinque e’ un lavoratore notturno (dati U.E. 1997). Questo trend e’ in costante aumento. In Italia il 18% dei lavoratori sono turnisti.  

Il lavoratore turnista subisce tutta una serie di disturbi, che si ripercuotono sul ciclo sonno-veglia. I disturbi possono essere:

        biologici (perturbazione della ritmicita’ circadiana);

        lavorativi (maggior rischio di incidenti);

       sociali (influenze negative a livello familiare e    sociale);

       sanitari (deterioramento delle condizioni di salute).

 

Le patologie associate al lavoro notturno sono:

disturbi del ciclo sonno-veglia      

eccessiva sonnolenza

fatica cronica

patologie gastrointestinali

 sindromi psico-nevrotiche

  patologie cardiovascolari  

 

Come conseguenza a tutto cio’ vengono riscontrati un maggior assenteismo sul lavoro per malattia, un maggior consumo di farmaci ed un maggior numero di infortuni/incidenti.

L’ipnogramma di un turnista, rispetto ad uno normale, e’ frastagliato. Il sonno non puo’ risultare soddisfacente in quanto e’ frammentato da molti risvegli. In genere l’adattamento al turno di notte e’ biologico e genetico.

Esistono molti sistemi di turnazione, ma il turno ideale e’ a rotazione rapida, oraria, con al massimo 6-8 ore di lavoro, con un congruo gruppo di lavoratori con una certa regolarita’